Descrizione immagine
Descrizione immagine
spettacolo fontane danzanti centro storico dongo lago di como
mercatino artigianato creatività collezionismo prodotti tipici alimentari lungo lago dongo lago di como ogni mercoledì sera luglio e agosto

MERCOLEDI' 19 LUGLIO

DONGO (CO) - LAGO DI COMO

-- SPETTACOLO FONTANE DANZANTI --

Spettacolo fontane danzanti alle ore 22.00: meravigiose coreografie di giochi d'acqua, luci e colori a ritmo di musica. Per l'occasione alle ore 19 nel Piazzale Donatori di Sangue (Area dietro il Comune) Maxi Grigliata di carne e polenta, Hamburgers e patatatine fritte! (In caso di maltempo l'evento verrà posticipato a Mercoledì 2 Agosto con identico programma). Tradizionale mercatino serale sul lungo lago con bancarelle di artigianato artistico, collezionismo, creatività e prodotti tipici a Dongo, sul lungo lago di Como. Il mercatino viene proposto ogni mercoledì sera di luglio e agosto dalle ore 16.00 alle ore 24.00

info 340 1615842

Descrizione immagine

piatti tipici della cucina Lariana

piatti tipici della cucina lariana

Nella cucina lariana predomina il lago, ma non mancano i rustici sapori di montagna, né le delizie collinari. Montagna e collina sono custodi di quella tradizione povera e genuina che ha i suoi simboli nelle polente taragna, di grano saraceno, o nella polenta uncia: condita con burro, aglio e formaggi, oppure il toc variante bellagina, piatto unico molto ricercato e di difficile preparazione. Sulle tavole del Lago di Como ha un posto d'onore il fritto misto di lago: alborelle in quantità e agoni, da friggere infarinati in padella di ferro, bottatrice, filetti di persico e lavarello, da cuocere impanati con l'uovo in burro e salvia con un goccio d'olio.

Il pesce in carpione, fritto e poi marinato in aceto, cipolla, alloro, è parente del pesce in salsa verde, grigliato e marinato in una salsa di prezzemolo, mollica di pane con aceto, capperi, acciughe, aglio, rosso d'uovo, olio d'oliva (ideali lavarelli, agoni e salmerini). Il piatto tipico della cucina del lago di Como sono i missoltini o missultin, gli agoni pescati a maggio, essiccati al sole e conservati a strati, con foglie d'alloro, nella missolta, un recipiente chiuso da un coperchio di legno gravato di pesi, in modo che i missoltini restino sotto pressione per alcuni mesi. Si degustano dopo una breve cottura su griglia, irrorati d'olio e aceto, con polenta abbrustolita e vino rosso.

Tra i dolci la miascia è una torta dalle origini antichissime: si fà impastando pane raffermo, latte, uova, zucchero, burro, mele o pere, pinoli, uvette e, a discrezione, amaretti sbriciolati, cioccolato amaro, scorza di limone. Il masigott è un impasto rustico e friabile, dalla caratteristica forma semisferica, di farine bianca e di grano saraceno, zucchero, burro, uova, uvette, pinoli, arancia candita e lievito.

qualche curiosità

Dongo è un attivo centro del Lario nordoccidentale. Il nucleo abitato più antico sorse in posizione sopraelevata dove si trova la frazione di Martinico, in seguito il centro si espanse nella pianura attraversata dal torrente Albano, dove si sviluppò la zona industriale. Fin dal 1400 vi funzionavano forni per lavorare il ferro estratto dalle miniere della Valle Dogana, oggi l'industria del ferro ha subito un forte calo. 
Il paese gode di una stupenda vista fino a Bellagio a sud, e verso Gravedona e l'estremità del lago di Como verso nord. Il panorama è sempre amplissimo: meravigliosi tramonti, quando le Prealpi Mesolcine assumono luminescenze rosate e violacee mentre già il lago e le selve sono ammantati di semi-oscurità.

Fra i palazzi spicca il neoclassico Manzi oggi municipio e sede del Museo della fine della Guerra, palazzo realizzato da Pietro Gilardoni (1824), allievo del Pollak, il cui interno è sfarzosamente decorato con affreschi della scuola dell'Appiani. 
Vicino al ponte sull'Albano troviamo il Santuario della Madonna delle Lacrime risalente all'anno 1500, Madonna venerata come miracolosa. Seguendo a sinistra del Municipio, si giunge alla chiesa romanica di Santa Maria di Màrtinico, costruita fra il XI e il XII sec., all'interno una navata chiusa da abside semicircolare, tra gli arredi sacri, una croce astile in argento dorato di Francesco di Gregorio del 1513.

A monte della chiesa, una passeggiata di circa 30' minuti attraverso la frazione di Barbignano, conduce al Santuario di San Gottardo patrono di Dongo, al cui interno vi è una pala di Gian Giacomo Barbelli. 
A Dongo ebbe inizio l'ultimo atto della vita del regime fascista con la cattura, il 27 aprile 1945, della pattuglia di Mussolini e la fucilazione di 15 fra ministri e gerarchi.

ciak dongo magliette da calcio lago di como
spettacolo fontane danzanti mercatini musica live lungo lago e piazze dono lago di como
esposizione dei giochi dei laboratorio cromatico mercatini musica live piazze e lungo lago dongo lago di como

STORICO EVENTI A DONGO ESTATE 2016

MERCOLEDI' 3 AGOSTO

DONGO (CO) - LAGO DI COMO

mercatino serale

mercatino serale di artigianato artistico, etnico, antiquariato, collezionismo, creatività e prodotti tipici alimentari a Dongo sulle piazze sul lungo lago in occasione delle spettacolo delle fontane Danzanti.

durante la serata: mercatini, musica e spettacolo delle Fontane

MERCOLEDI' 17 AGOSTO

DONGO (CO) - LAGO DI COMO

mercatino serale

mercatino serale di artigianato artistico, etnico, antiquariato, collezionismo, creatività e prodotti tipici alimentari a Dongo sulle piazze sul lungo lago.

Esposizione dei Giochi dei Nonni!!

Copyright Mercatini&Curiosità © Tutti i diritti sono riservati.