Descrizione immagine
Descrizione immagine

MERCATINO ARTIGIANATO E COLLEZIONISMO MILANO VIA BRERA

mercatino artigianato collezionismo via brera centro storico milano pinacoteca

SCARICA IL MODULO DI PARTECIPAZIONE

Dal mese di giugno 2014 l'Associazione Asco Duomo organizza la Mostra mercato di Artigianato e Collezionismo, patrocinata dall'amministrazione Comunale di Milano e dal Consiglio di Zona 1.

L’iniziativa sviluppata con la collaborazione e la promozione di Mercatini&Curiosità, consiste nell’istituzione di una manifestazione ad alto valore tradizionale e aggregativo periodica e ricorrente nel tempo ovvero: una mostra mercato specifica con tematica esclusivamente di artigianato d’eccellenza e collezionismo. Lo scopo è di creare nel centro della Città uno spazio espositivo calendarizzato proponendo momenti culturali ricercando merceologie che possano esaltare la manualità artigianale della produzione italiana potendo contare sulla qualità ed eterogeneità delle merceologie proposte con l’accortezza di evitare merceologie in contrasto con le attività in sede fissa presenti, con lo scopo di attirare pubblico nuovo e di qualità anche da fuori regione. Ricerca di operatori professionali (muniti di regolari autorizzazioni) preparati per essere a disposizione del pubblico sopratutto per illustrare la storia degli oggetti esposti, la loro realizzazione anche sul posto (lavorazione su cuoio, gioielli, restauro, pittura, scultura ecc.) e le zone di provenienza degli stessi. Per quanto concerne il collezionismo saranno selezionati operatori che esporranno tematiche di nicchia offrendo loro la possibilità di divulgare la loro passione e condividerla con i visitatori. Tra le merceologie citiamo Filatelia, Piatti del buon ricordo, Design italiano, libri ecc., al fine di creare un interessante momento culturale in seno alla manifestazione. Siamo certi di poter proporre manifestazioni di qualità e legalità, costantemente controllate da personale specializzato per quel che concerne la qualità delle merceologie esposte.

Le occupazioni sono ordinate e omogenee. Ad ogni espositore verrà consegnato il cartello con il nome della Ditta espositrice, il nome dell’iniziativa con indicato il logo del consiglio di Zona patrocinante.

L’Associazione garantisce per quel che concerne il controllo costante del tipo e modalità di occupazioni, si occupa dell'inserimento delle date previste per le manifestazioni in portali internet specializzati in collezionismo e manualità artigianale oltre a riviste specializzate nazionali di settore ed una costante campagna promozionale su stampa locale. 

LINK UTILI

associazione noi di brera milano centro storico via brera

COME ARRIVARCI

Per i visitatori si sconsiglia l'uso del mezzo privato a motore 
ATM | LeNORD | TRENITALIA


Con i mezzi pubblici
METRO: M2 Lanza, M3 Montenapoleone, M1 Cairoli
BUS: 61 (via Pontaccio/ via Monte di Pietà) – 57 (Foro Buonaparte)
TRAM 1-2-12-14 (via Cusani), 4 (Lanza)


In bici
Postazione BikeMi n. 57 – Brera


In auto
Parking Car Brera (a pagamento), via Brera 3/A


In treno
da Stazione Centrale: corrispondenza con  M2 e M3

da Stazione Garibaldi: corrispondenza con M2
da Stazione Cadorna Fn: corrispondenza con M2


In aereo
da Aereoporto Malpensa: treno Malpensa Express fino a Stazione Cadorna poi Metro M2 (Lanza)

da Aereoporto Linate: bus 73 (San Babila) poi bus 61 (via Pontaccio)
da Aeroporto Orio al Serio: shuttle fino a Stazione Centrale, poi Metro M3 (Montenapoleone)

INFORMAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE

Per partecipare alla Mostra-Mercato di Artigianato e Collezionismo di Via Brera, occorre debitamente compilare e firmare il modulo in PDF scaricabile in alto a sinistra, restituirlo per posta elettronica a info@mercatiniecuriosita.com oppure al numero di fax 0381 696945 allegando copia di carta di identità in corso di validità. ( per cittadini stranieri anche copia di permesso di soggiorno )

Fornire una DESCRIZIONE DELLE MERCI TRATTATE.

FORNIRE IL NUMERO DI TARGA DELL’AUTOMEZZO UTILIZZATO PER L’ACCESSO ALLA MOSTRA-MERCATO

CONTATTARE ADRIANO AL NUMERO 3472216084 PER VERIFICARE LA DISPONIBILITA' DEGLI SPAZI.

Il prezzo di uno spazio 3x3 ( CON GAZEBO DI COLORE CHIARO DI VS. PROPRIETÀ)  è di € 100,00. Per spazi più grandi il prezzo sarà proporzionale. NON E’ FORNITA ENERGIA ELETTRICA.

Effettuare una ricarica su carta Postepay N. 4023 6009 2180 9143 intestata a Carrara Adriano C.F.  CRRDRN45C11G184T dell'importo proporzionato ai metri che si intendono occupare.

La ricevuta dell’avvenuto pagamento dovrà pervenire alla scrivente per posta elettronica a info@mercatiniecuriosita.com oppure al numero di fax  0381 696945, oppure con WhatsApp al n. 331 7379582, con il nomitativo del partecipante al fine di identificarne il mittente.

Quanto richiesto (documenti e pagamento) dovrà pervenire il prima possibile,  comunque sempre  almeno 10 giorni prima della prima data prevista del mese in cui si intende partecipare.

LA MANIFESTAZIONE SI SVOLGERA’ CON QUALSIASI CONDIZIONE METEOROLOGICA. LA QUOTA VERSATA E’ RIFERITA ALLA MANIFESTAZIONE PRENOTATA, LA MANCATA PARTECIPAZIONE NON DA DIRITTO A RIMBORSO, IN QUANTO VERRA’ ISTRUITA UNA PRATICA AMMINISTRATIVA NOMINATIVA E SPECIFICA PER L’EDIZIONE PRENOTATA. 

PER ACCEDERE ALLA MOSTRA-MERCATO CON GLI AUTOMEZZI IL PERCORSO CONSIGLIATO E’:  VIA CUSANI, VIA DELL’ORSO, VIA BRERA (ZTL CONTROLLATA DA TELECAMERE).

ATTENZIONE: il numero di targa fornito servirà esclusivamente per l’accesso in ZTL di Via Brera, per l’accesso in area C consultare il seguente link AREA C MILANO

L'APPUNTAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEI NUOVI POSTI E' PREVISTO PER LE ORE 07,30 CIRCA. 

LA PINACOTECA

La Pinacoteca di Brera è una galleria nazionale d'arte antica e moderna, collocata nell'omonimo palazzo di Milano.

Il museo espone una delle più celebri raccolte in Italia di pittura, specializzata in pittura veneta e lombarda, con importanti pezzi di altre scuole. Inoltre, grazie a donazioni, propone un percorso espositivo che spazia dalla preistoria all'arte contemporanea, con capolavori di artisti del XX secolo.

Nel 2014 è stato il ventunesimo sito statale italiano più visitato, con 269.805 visitatori e un introito lordo totale di 882.866,20 Euro[2]. Nel 2015 ha aumentato il numero di visitatori a 285.327.

 

La Pinacoteca ha sede nel grande palazzo di Brera, che ospita anche altre istituzioni: la Biblioteca Nazionale Braidense, l'osservatorio di Brera, l'Orto Botanico, l'Istituto Lombardo di Scienze e Lettere e l'Accademia di Belle Arti. L'edificio era stato costruito nell'antica, incolta terra "braida" (o "breda", parola che nella bassa latinità aveva il significato di campo suburbano), da cui presero il nome Brera tanto il palazzo quanto il quartiere. Il palazzo si apre su un cortile circondato da un elegante porticato su due piani, al cui centro è situato il Monumento a Napoleone I ideato da Antonio Canova.

Palazzo Brera (a destra) con la Pusterla Beatrice (a sinistra), agli inizi dell'Ottocento.


Sorge su un antico convento dell'ordine degli Umiliati, una delle più potenti associazioni religiose ed economiche del tardo Medioevo milanese. Fu nel 1571 che, con bolla pontificia di papa Pio V, si abolì l'ordine degli Umiliati, storici fabbricanti di lana, assegnando così l'antica prepositura di Brera alle "attente mani" dei Gesuiti, che ne fecero un importante centro di studi, dandogli il nome di Università. Si impose allora la necessità di costruire un nuovo e più ampio edificio, i cui lavori iniziarono nel 1591 e vennero affidati nel 1615 ad un grande architetto del tempo in Lombardia: Francesco Maria Richini. Nel 1630, però, a causa della pestilenza i lavori cominciarono a rallentare e il progetto venne approvato solo nel 1691.


L'opera proseguì, passando al figlio dello stesso architetto, a Gerolamo Quadrio e a Pietro Giorgio Rossone. Soppressa la Compagnia di Gesù nel 1773, l'edificio finì nelle mani del governo austriaco e venne completato nel 1776 da Giuseppe Piermarini. Divenuto "Reale Palazzo", Maria Teresa d'Austria lo adibì a sede delle Scuole Palatine e, oltre a mantenervi le scuole già aperte dai Gesuiti, vi collocò la biblioteca e decise di ampliare l'Orto Botanico. Fondò inoltre nel 1776 l'Accademia, dotandola di un contributo annuo di 10.000 lire provenienti dai soppressi beni ecclesiastici.

Copyright Mercatini&Curiosità © Tutti i diritti sono riservati.